domenica, maggio 10

Migranti

Un altro barcone respinto in Libia e un altro pezzettino di umanità che se ne va. La vita di esseri umani che viene giocata sull'altare della propaganda politica. E' vero, gli stranieri che arrivano in Italia sono molti, ma molti sono i modi per controllare questi flussi senza ricorrere alle sceneggiate mediatiche dei nostri marinai che rimorchiano i barconi della disperazione nei porti di partenza. Qualcuno si dimentica che molte nostre aziende restano aperte grazie al lavoro degli stranieri; che i molti stranieri che versano regolarmente le tasse e i contributi consentendo di pagare le pensioni ai nostri anziani in una nazione che non fa più nascere bambini; che le "badanti" non sempre sono italiane e spesso sono pagate in nero. Siamo già una nazione multietnica: compito della politica è risolvere i problemi, non crearli. 

Nessun commento: