mercoledì, agosto 5

Prevenire

Repubblica pubblica gli scatti dei lettori in Abruzzo. Un fotogramma mi ha particolarmente colpito: quello di una casa sventrata, fatta di muri quasi a secco su cui poggia un bel solaio in laterizio armato. Il solaio è intatto e i muri sbriciolati.
Non ci vuole un genio della fisica per capire che così doveva andare e così è andata.
Chi progetta interventi del genere e soprattutto chi li autorizza? In un paese come il nostro dove le abitazioni storiche sono decine di migliaia (e molte in zone sismiche) è mai possibile che non ci si preoccupi di informare i cittadini dei rischi che corrono quando effettuano interventi strutturali sulle abitazioni? E i progettisti che firmano e gli uffici tecnici dei comuni dove sono? Pochi accorgimenti tecnici preventivi, sicuramente costosi, eviterebbero ricostruzioni ben più costose ma anche lutti, dolori e sofferenze.

Nessun commento: