lunedì, dicembre 7

Campanili e minareti

"Questo succede quando la politica si arroga il diritto di utilizzare la religione come carta d'identità, come facile strumento per riempire la propria vuotezza. Questo succede quando la politica prende in prestito la fede per farne uno strumento di odio e di divisione. Quando si confonde la croce con un simbolo di partito. Questo succede: si arriva a pretendere che la religione si adegui alle regole perverse della politica, perda l'universalità per occuparsi del contingente, perda l'altruismo per rifugiarsi nel più bieco individualismo".
Che si legga su
“Fare futuro” questa difesa del cardinale Tettamanzi è tutto dire.

Nessun commento: