lunedì, novembre 30

30 novembre 1979


The Wall

Carità pelosa

Di colpo la terra trema e una casa dello studente viene giù con otto ragazzi dentro. Passato il cordoglio, ma si spera non l’attenzione dei giudici, bisogna ricostruire. C’è un terreno agricolo che vale poco, non è edificabile, ma nell’emergenza, ecco, lo diventa. Giusto per farci la casa dello studente. Detto fatto, la casa è ricostruita con 7,5 milioni di euro della regione Lombardia, ma il terreno di chi è ? Della curia, che ne rientrerà in possesso tra trent’anni con la casa dello studente sopra. Non male per un terreno che non valeva niente e visto che per altri interventi i terreni sono stati espropriati.

venerdì, novembre 27

Medicine forse, paradiso sicuro

Molto interessante questa convenzione della regione Veneto con il patriarca di Venezia. Assunti e stipendiati dal servizio sanitario veneto gli assistenti spirituali. Come dire: non siamo in grado di garantirvi le cure del corpo, ma quelle della vostra anima ci preoccupano molto. Come in un film di don Camillo e Peppone, penso che il Cristo sia tentato di togliersi i chiodi, scendere dalla croce e prendere tutti a randellate.

martedì, novembre 24

La banda Gelmonti

Fino ad ora i genitori dovevano ricorrere ai mutui per garantire i libri di testo ai figli che frequentavano le superiori. Per i ragazzi delle medie (pardon, secondaria di primo grado) bastava la cessione del quinto dello stipendio, o il credito al consumo. Per le elementari, grazie al cielo, i libri erano gratis. Ora non più.

lunedì, novembre 23

Il sonno della ragione

Le parole sono state tutte consumate, la forza d’indignarsi è allo stremo. Contrapporsi nel vivere quotidiano alla deriva dell'immoralità e alla mancanza di etica sempre più difficile. Difficile sperare in un sussulto di dignità.

venerdì, novembre 20

Adesso sono quattro

Una nuova vita è arrivata. Questa mattina, alle dieci, Angelo ha aperto gli occhi al mondo. Dopo Anna, Marco e Davide ecco il quarto nipote. Penso avrò da fare nei prossimi giorni. Sono delle macchinette infernali che succhiano energie e risorse mentali, ma, come ieri pomeriggio che i grandi hanno trascorso con me, bastano poche loro risate per ripagare di tutto.

giovedì, novembre 19

W la Rete

Il ministro delle esternazioni si è costruito un sito personalizzato e, secondo lui, tutto dovrà viaggiare in rete: certificati, certificati medici, segnalazione delle assenze degli alunni, pagelle. Poi scopri che in finanziaria sono stati tagliati 800 milioni di euro per l’incremento della rete, soldi che dovevano consentire l’accesso alla banda larga al maggior numero di utenti. Il sito, appena inaugurato, è stato subito hackerato. Poi, scava scava, scopri che internet è progressista mente la tv è di destra (come la vecchia diatriba tra mac e pc) e chi comanda in tv? Da qui l’adattamento del vecchio detto “ Stretta la banda, larga la via, voi dite la vostra che la televisione è mia.”

martedì, novembre 17

Ricordi


La Nocciolina in questo
post mi ha provocato. Allora ecco la risposta alla provocazione dei ricordi. Beccativi questi.

Generazione felice?

Siamo una generazione felice? Forse sì, forse…. libertà ne ho avuta tanta, con la musica mi sono ubriacato e sono riuscito ad andare in pensione tranquillamente. Da bambino scorrazzavo per una città di ventimila abitanti con gli amici, con una targhetta al collo come un cagnolino. Bastava chiedere a un passante la strada di casa e via. La scuola, con alti e bassi, un ricordo felice. Scontri con i genitori sicuramente, ma anche Woodstock e i Beatles, il Concilio Vaticano II e il ’68 alle superiori e in università. Il lavoro a scuola in un momento speciale, di sperimentazione, innovazione e apertura al mondo. Sì, non ho rimpianti. No, forse uno. Quello di vedere come siamo e come saremmo potuti essere.

Storie di cavoli amari

Lasciate che i pargoli vengano a me e, soprattutto, non bocciateli. Poverini, potrebbero subire un trauma. Oggi non c’è questo pericolo perché i genitori sono diventati, oltre che sindacalisti e avvocati difensori, anche bodyguard dei propri angeli. E se proprio dovete bocciarli preoccupatevi di avere almeno le carte in regola.

domenica, novembre 8

Dispetti divini

Uno dei momenti cruciali della nascita dell’universo è stato il passaggio dall’energia alla materia. Non sono un esperto, ma molti pensano che dio sia lì. La creazione è avvenuta in un attimo, quando l’energia si è trasformata in materia e il sogno di sempre degli scienziati è di ricreare quel momento. La provvidenza divina invece continua a giocare brutti scherzi, a mettere i bastoni tra le ruote, per impedire la scoperta, con mezzi imponenti: una briciola di pane, portata da un uccellino.

venerdì, novembre 6

La riva del fiume

Sono fermo da alcuni giorni, non riesco a scrivere, faccio fatica, nel marasma generale, a riordinare le idee. Troppi stimoli, troppe sollecitazioni e troppo rumore di fondo. Come nelle trasmissioni televisive, dove i politici dovrebbero spiegare le loro idee e invece molto rumore e nessuna sostanza. Leggendo il blog di Zucconi, guardando un video e leggendo un articolo mi sono immediatamente ritornate alla mente le tre “I” del passato programma di governo: intolleranza, incompetenza, ignoranza. Intolleranza per il confronto civile in cui tutti hanno il diritto di difendere le proprie idee senza insultare gli altri; incompetenza perché tutti parlano di quello che non conoscono e pontificano su tutto; ignoranza perché anche le più elementari regole della logica e della dialettica vengono stravolte, pur di non rispondere alle domande e piegare la realtà alla propria visione del modo. Forse è meglio che mi fermi un po’ seduto sulla riva del fiume.