mercoledì, marzo 17

Tempi moderni

In questi giorni un po’ così non trovo molte ispirazioni per il blog. Seguo e commento quelli degli amici, ma proprio non riesco a concentrarmi. Sarà la primavera, gli uccellini sugli alberi che cinguettano, l’indugiare tra le coltri …
Leggo su un post della Prof che una sua alunna ha collocato la penisola scandinava nel deserto del Sahara e in un post di La noisette che durante il neolitico in Spagna c’erano i turisti. Cu(o)ltura del nostro tempo. Poi apro il giornale e leggo di giocatori che cambiano le regole durante il gioco e si arrabbiano quando gli arbitri se la prendono. Giocatori che tentano di convincere gli arbitri a favorirli prima delle partite. Giornalisti che raccontano balle e, presi con il dito nella marmellata, si difendono come bambini dell’asilo inventando storie incredibili. Ministri che inventano dati per suffragare le loro tesi, ministri che non sanno neppure quando le donne hanno cominciato a votare … Meglio dedicarsi alle passeggiate con il bassotto e fare i complimenti agli alunni di prima: avranno una carriera assicurata.

Nessun commento: