domenica, ottobre 10

Italia?

… «Se il popolo italiano fosse fatto di studenti e professori l'Italia sarebbe libera da un pezzo. Ma studenti e professori non sono che un'infima minoranza. E il popolo, quello vero, sta da un'altra parte. Sta alla finestra. Guarda, aspetta di vedere come si mettono le sorti della battaglia, si prepara ad accorrere in soccorso del vincitore».
Giancarlo De Cataldo - da “I Traditori”

6 commenti:

gattonero ha detto...

Scopro l'acqua calda, se dico che questa è una prerogativa, tipica, degli italiani.
Difficile crederci, ma mettiamo che in future elezioni, vinca chi oggi è all'opposizione, di bianco e verde sulla bandiera resteranno due striscioline di rappresentanza: il rimanente sarà tutto rosso.
Che, per combinazione, è anche il colore della vergogna.
Che non c'è.

Itsas ha detto...

Mah
non è che studenti e professori siano un mondo diverso dal resto dell'Italia, soprattutto i professori...
Ed io lo sono!

non ci sarebbe alcuna differenza, secondo me, rispetto a ciò che vediamo adesso

il grigio ha detto...

@ gattonero: benvenuto. La citazione è forzata, ma data le mie recenti esperienze forzose nell'ambito sanitario mi sono accorto come in ogni campo sia la dedizione delle donne e degli uomini di buna volontà a far funzionare quel poco che funziona, non certo la maggioranza silenziosa o i politici.

@ itsas:ripeto, citazione forzata, ma un po' di speranza vuoi lasciarmela?

il grigio ha detto...

@ tutti: mi scuso per gli errori nei commenti, ma oggi dita e tastiera fanno quello che vogliono ...

'povna ha detto...

anche all'interno della scuola, chi combatte è una infima minoranza: come si spiega altrimenti che dal 30 settembre andiamo ogni giorno a lavorare in un sistema che il consiglio di stato ha dichiarato illegale?
(oggi mi sento cinica e pessimista, perdono)

benzinagricola ha detto...

... io dico sempre che l'Italia sarà anche il paese più bello del mondo: se nascevo in Svezia, però, era meglio.