domenica, febbraio 19

Comunicare


L'argomento mi tocca da lontano, più per curiosità che per vissuto, e non capisco se sono io ad avere la puzza sotto il naso, preferendo questo spunto provocatorio a questo, o se ormai sono solo un dinosauro mediatico.

7 commenti:

la povna ha detto...

Io sogno un paese in cui un giornalista che usasse le parole "santo padre" al telegiornale fosse richiamato a un linguaggio più consono a uno stato laico, come in Francia.
Dunque, se posso - tra il profetismo ghigliottinante di micromega e quello qualunquista di Celentano - scelgo senza dubbio una terza via.

gattonero ha detto...

Non so se esiste una terza via: so solo che se voglio sentire sermoni vado in chiesa, o alla sinagoga, o dove questi sermoni sono di casa.
Se me li sento propinare in un programma che 'dovrebbe' essere canoro, la ritengo una forzatura alla mia libertà del sentire.
Per questo, chi ha vinto il festival l'ho saputo stamattina dai giornali.
Nel momento della proclamazione ero seduto sul wc, beatamente leggendomi Topolino.
Ciao, felice che non sia vittima del captcha.

la povna ha detto...

@gatto nero: concordo, ma, proprio per questo, non oppongo al profetismo qualunquista di Celentano quello apparentemente più sottile ma altrettanto becero del gruppo di Flores d'Arcais!

il grigio ha detto...

@ povna
@ gattonero

Il dibattito è interessante, ma il mio intento non era tanto quello di discutere i contenuti bensì il mezzo. Nel definirmi dinosauro mediatico mi riferivo al mio modo di interpretare gli strumenti utilizzati per passare il messaggio. Lo spunto è partito da due temi simili pervenuti grazie a link da due diversi amici. Nel trovarmi idee espresse con un metodo simil carta-penna (il primo) che poteva essere letto tranquillamente su un giornale o una rivista e uno multimediale (il secondo) mi sono trovato a preferire di gran lunga il primo. Forse perché sono lento, forse perché mi piace prendermi tutto il tempo per pensare e non voglio correre al ritmo che alti mi impongono ... tutto qui. Grazie per i commenti.

Annalisa ha detto...

Non so... Credo che a volte dipenda anche dal contenuto, nel senso che ci sono alcuni argomenti mordi e fuggi per i quali l'approccio, la *lettura* multimediale è quella più adatta (mi sto accorgendo che persino la mia tolleranza di tempo-lettura è diventata ridottissima, di fronte a contenuti multimediali); poi ce ne sono altri per iquali c'è proprio bisogno di vedere (leggere) le cose in modo diverso, più tranquillo, con altri ritmi.
Magari i nvece è davvero dinosaurietà :-)
Lo scopriremo solo vivendo :-)

p.s.: non hai il captcha ma anche tu (blogger) mi butti fuori se mi collego con l'account google, e poi devo rifare tutto (ma son diventata esperta: dopo ver scritto il commento, me lo copio, poi torno qui e incollo ;-)

il grigio ha detto...

@ annalisa: se ho festeggiato i diciotto anni solo pochi giorni fa :-)

il grigio ha detto...

@ annalisa: ho resettato tutto e non so cosa succede perché a volte butta fuori anche me.