lunedì, febbraio 13

Crisi ...


Non sono un possidente, ma alcuni risparmi nel porcellino li ho. Quando il porcellino è pieno li porto in banca. Mi sono fatto carico di prestarne un po' allo stato perché mi sembra giusto così e vorrei che gli altri servissero per concedere credito agli artigiani, agli agricoltori, agli industriali onesti, che non mancano, affinché possano continuare a produrre, creando lavoro. Da quel poco che ho capito i miei soldi servono invece alle banche per dare credito a chi già è al caldo e non ha bisogno di coperte. Solidarietà, equità, senso etico parole ancora presenti nel dizionario, ma nella realtà?

7 commenti:

lanoisette ha detto...

se puoi, Banca Etica, caro Grigio!

sportelloutenti ha detto...

Basta pensare a che fine ha fatto il fondo salvabanche che la BCE ha elargito a manbassa: a rientrare delle loro scoperture dovute a speculazioni sbagliate. Le banche in questo momento non scuciono un soldo a nessuno.
ELisa

gattonero ha detto...

E' una manovra delle banche che proprio non capisco: a fronte di interessi creditori sui depositi dello 0,0001%, espongono percentuali dei mutui con TAN poco sotto il 20% e TAEG naturalmente oltre.
Ciononostante, preferiscono concedere, con il contagocce, prestiti a dipendenti con il posto fisso e ai pensionati, limitando l'importo alla capacità di rientro degli interessati.
Alle aziende i rubinetti sono pressoché chiusi, così le auspicate ipotesi di sviluppo vanno a farsi friggere.
Probabilmente c'è un perché a questo modo di agire, ma per uno digiuno di economia (io e altri pochi) suona come una ricerca del "tanto peggio, tanto meglio".

il grigio ha detto...

@ noisette: già fatto, non tutti i miei averi,ma già fatto :-)

@ elisa: sarà possibile cambiare le cose?

@ gattonero: dici che " ... muoia Sansone con tutti i filistei ..." sia ancora di moda?

L'economa domestica ha detto...

Le uniche che utilizzavano la raccolta per i piccoli imprenditori erano le BCC, ma anche loro ormai...

Anonimo ha detto...

Mah, semplicemente, secondo me :
1. Le banche, quasi tutte, hanno molti più buchi nascosti nei loro bilanci, di quello che dicono (alla fin fine, i bilanci "si sanno scrivere") e devono recuperare in qualche modo. Con i nostri soldi han fatto moooolte cazzate;
2. nelle banche (come nelle assicurazioni) ci sono posizioni di privilegio inaccettabili, ma nessuno si da la zappa sui piedi, e così se devono tagliare, tagliano a noi, non a loro;
3. in generale, manca al sistema bancario la capacità di giudicare le aziende in modo di finanziare con intelligenza, e così non danno una lira senza ultra-garanzie. Salvo dare a piene mani agli amici degli amici...
4. aggiungiamo che applicare Basilea 1,2 e 3 in Italia, dove le aziende evadono allegramente, presenta molte difficoltà a rispettare parametri concordati ed imposti a livello europeo;

Anonimo SQ

La prof ha detto...

Il che mi fa essere soddisfatta, per una volta, di non avere niente in nessun porcellino e in nessuna banca.
Grazie, Gris.