lunedì, settembre 3

Primo giorno di scuola


Ricordo il primo giorno d'asilo (allora si chiamava ancora così), la suora dal grande cappello delle Dame Francesi che ci accoglieva, il nastro adesivo sulla bocca perché parlavo troppo. Ricordo anche i pasticci di farina per fare il pane e la malta che non voleva andarsene dai capelli dopo che il muratore ci aveva fatto costruire un muretto. Ricordo le uscite per liberare i cigni e le anatre bloccate nel ghiaccio del lago in inverno. Dei primi giorni di scuola elementare ricordo poco, solo il disagio di essere inserito in una scuola italiana dopo due anni di elementari all'estero. Alle medie e alle superiori una passeggiata e all'università ormai non si parlava più di primo giorno di scuola. Poi il primo giorno di scuola dall'altra parte, dalla parte del professore. Uno shock. Presa di servizio alle 7,45, nessuna esperienza precedente, diciotto anni e alle otto in classe, ma poi la paura passa. A seguire quasi quarant'anni di primi giorni di scuola. Ci fai l'abitudine ma un po' di magone ti prende sempre la sera prima.
A tutti gli amici che ieri sera hanno provato lo stesso magone un augurio di buon rientro, nella speranza che la scuola venga presa più sul serio.

3 commenti:

La prof ha detto...

Grazie :-)

ellegio ha detto...

Grazie!

il grigio ha detto...

@ La Prof e LGO: anche se può non sembrare vi sono vicino.