sabato, luglio 28

Non tutti i cerchi sono uguali

Passatempi estivi

Tutti parlano di cucina, tutti dissertano su menù, accendi il televisore e trasmissioni di cucina. Allora  mi sono detto mettiamoci a cucinare ... se lo fa lui posso anch'io.

lunedì, luglio 23

Vacanze ... e ritorno.

Non sono state movimentate come queste, ma non erano un viaggio di nozze ... non ho incontrato pardi ma solo placide "olandesi" molto poco hard.

domenica, luglio 15

... distrazioni.


Da domani alcuni giorni di (meritato) riposo. Non sembra, ma sarò in montagna. Ci sentiamo.

sabato, luglio 14

... forse l'uovo



E per continuare sullo stesso tema può essere utile dare un'occhiata qui. Mi astengo da ogni commento, ma mi chiedo solo: se i libri (anche quelli elettronici) non si acquistano, chi considera il tempo necessario per produrre i diversi materiali visto che per preparare supporti intelligenti non ci vogliono minuti, ma ore o giorni? E come si colloca professionalmente questa nuova attività, anche in considerazione del fatto che il volontariato è cosa ben diversa dal lavoro? 

giovedì, luglio 12

L'uovo o la gallina?


D'accordo, ma quello che mi scoccia è che se li voglio entrambi devo pagare due volte la stessa cosa.

domenica, luglio 8

Cum-passio



Le cose non sono ancora cambiate da noi, quante generazioni ci vorranno perché cambino da loro?

mercoledì, luglio 4

Uno strano (meraviglioso) matrimonio


Molto si è scritto sul matrimonio dell’anno. Qui desidero, per gli amici che non c'erano, raccontarlo dall’altra parte, dalla parte di chi gli sposi li vede di fronte, celebra il rito e osserva i sorrisi, gli occhi lucidi, la commozione, la lacrima che spunta e che scende appena a rigare la guancia, la felicità. Mi tocca, il mio compito era quello.
  
Il Benza, con Garibalda al guinzaglio, occhio lucido e commosso è lì, impalato e aspetta. Arriva Noisette, bellissima, e una lacrimuccia scende sulla guancia del Bellissimo.

Il Grigio: Siamo qui riuniti, parenti e amici, per assistere alla celebrazione del matrimonio di Nocciolina e di Benza e in questo momento, particolarmente felice per loro e per tutti noi, desidero leggere una lettera rubata a Babbo Natale nel lontano 2008:
“Occhei Babbo, il 25 è passato da pochi minuti e non è arrivato nessun regalo per la sottoscritta: Niente carte dorate, niente calze, nemmeno una cartolina per il ritiro all’ufficio postale. Nulla di nulla. Ora, va bene che tu sei tanto impegnato con tutti i bambini del mondo e bla bla bla, ma così non ci siamo proprio, ecco!
Però, siccome sono una fanciulla paziente e sono anche in vacanza nonostante i compiti da correggere e le verifiche da preparare e poi a Natale siamo tutti più buoni, ti do tempo fino al 6 gennaio – ché magari quella santa donna della Befana ti dà anche una mano.
Ma sappi che è proprio l’ultimissima possibilità. Quindi, o ti dai da fare o
1-dico a tutti i bambini del palazzo che non esisti,
2-mi faccio un giubbotto di renna. Indovina con quali… Chiaro?”
Firmato:  Nocciolina
Babbo Natale spaventato da tali minacce recapitò il regalo su un taxi bianco ….   
Wil inizia una dolce armonia.
  
Si passa alla lettura degli articoli del codice civile come legge comanda.
Il Grigio: siete Benza (con Garibalda) e Noisette  e siete qui comparsi per la celebrazione del Vostro matrimonio?
Noisette e Benza (per Garibalda la cosa è scontata): Sì, sì  e bau.
Il Grigio: Do lettura degli articoli 143,144 e 147 del Codice Civile (ndr -liberamente tradotti) riguardanti i diritti e i doveri dei coniugi che voi siete tenuti a rispettare ed osservare:
Articolo 143 Diritti e doveri reciproci dei coniugi
Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti (ma Nocciolina un po’ di più) ed assumono i medesimi doveri. Dal matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà (quindi Benza smettila di chiederla a tutte), all’assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell’interesse della famiglia (non mettere scatolette di tonno sotto i carrelli e non rompere tavolette del wc)  e alla coabitazione. Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze ed alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo (per il Benza corso di aggiornamento obbligatorio in orticoltura), a contribuire ai bisogni della famiglia.
Articolo 144 Indirizzo della vita familiare e residenza della famiglia.
I coniugi concordano fra loro l’indirizzo della vita familiare e fissano la residenza della famiglia secondo le esigenze di entrambi e quelle preminenti della famiglia stessa (Sabaudia o Brianza fate voi). A ciascuno dei coniugi spetta il potere di attuare l’indirizzo concordato.
Articolo 147 Doveri verso i figli
Il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l’obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole (ci auguriamo numerosa) tenendo conto delle aspirazioni dei figli.
Discorso di ‘povna: deciderà lei se, quando, come e dove pubblicarlo (già fatto)
Wil diteggia una nuova armonia.
Il RITO DEL MATRIMONIO
Il Grigio: Dichiara il Signor Benza di voler prendere in moglie la Signorina Noisette qui presente?  
Benza: Sì (appena appena commosso con la voce simile allo scricchiolio di cingoli).
Il Grigio:  Dichiara la Signorina Noisette di voler prendere in marito il Signor Benza qui presente. 
Noisette: Sì (stringendo forte la mano del Bellissimo).  
Il Grigio: I testimoni hanno sentito? 
Testimoni: Sì, sì e bau bau
Il Grigio: Io il Grigio, con estremo piacere e felice per l’amicizia che a loro mi lega dichiaro che il Signor Benza e la (ormai) Signora Noisette sono uniti in matrimonio.
Il Grigio: gli sposi possono scambiarsi gli anelli e naturalmente baciarsi.
BacioBacioBacioBacioBacioBacioBacioBacio (non terminava mai, eh eh).
Intervento musicale di Wil 
Baci e abbracci da amici, parenti e quattro-zampe.
E siate felici ...

(e per LGO)